Molti di voi già lo conoscono: Tommaso Finadri, prima di essere presidente di Beast Technologies, azienda che produce il sensore Beast Sensor, è un giocatore di Football Americano, nonchè preparatore fisico, certificato Westside Barbell, di alcuni dei più forti giocatori di Football Americano in Italia e in Europa.

Inoltre, Tommaso Finadri collabora con Bilanciere Fondente ed è a disposizione per la predisposizione di programmi d’allenamento e coaching on line.

Quindi, potevo farmi scappare l’occasione di chiedergli in che modo sta allenando gli atleti che segue? Ovviamente no, ecco i suoi consigli:

  • AUMENTARE LA FREQUENZA DEGLI ALLENAMENTI: per tanti abituati a sollevare pesante,  i workouts saranno necessariamente più leggeri, diventa molto efficace allora renderli più frequenti: per esempio passare da 2 a 3/4 allenamenti a settimana per gruppo muscolare
  • STABILIRE UN TARGET DI VOLUME: è difficile trovare strategie efficaci per variare il peso utilizzato con una vera e propria progressione; conviene quindi stabilire un target di ripetizioni totali come riferimento per la giornata, o anche, meglio, per la settimana. 
  • CLUSTER SET: Una volta stabilito il riferimento, usare diversi schemi di “set x rep” per raggiungerlo. Il trucco per mantenere l’intensità dell’allenamento è adeguare il tempo di recupero di conseguenza. Se siete curiosi, o se volete comunque lavorare sull’esplosività.. provate i cluster set.

Ad esempio…. 100 push ups è un buon target di ripetizioni da svolgere due volte a settimana. Provateci il giorno uno con 20 serie da 5, svolte il più velocemente possibile , e con solo 15″ di pausa tra le serie.

Per saperne di più sui Cluster Set, consulta il nostro articolo:
https://www.bilancierefondente.it/il-nuovo-metodo-dallenamento-che-aumenta-forza-e-massa-il-cluster-training/

  • GERMAN VOLUME: il giorno due invece provate un German Volume, 10×10 e, con le settimane, cercate di accorciare il recupero.
  • ALTERNARE LAVORI ESPLOSIVI A LAVORI DI ACCUMULO: una buona strategia che porta varietà negli allenamenti e ci permette di essere comunque molto specifici è quella di alternare lavori “esplosivi” con poche ripetizioni ed eventualmente tante serie, con lavori di accumulo o di densità dove si punta invece a fare prima un altissimo numero di ripetizioni e in seguito si può cercare di accorciare sempre di più il tempo necessario per arrivare a svolgere la stessa quantità di lavoro.  
  • IMPARARE NUOVI MOVIMENTI: quando vi sarete annoiati di tutto ciò… allora il mio consiglio è di buttare via set e ripetizioni e di concentrarsi sull’imparare nuovi movimenti, siete pronti!
  • SPECIFICITÀ: per gli atleti già abituati a fare lavori molto specifici, sarà necessario fare un passo leggermente indietro sulla specificità del gesto dell’allenamento, ma come già detto, si può e si deve invece cercare di mantenere la specificità del sistema energetico principalmente utilizzato. Per quanto questa frase sembri molto complicata, non rinunciate ad organizzare i singoli esercizi in modo da simulare il più possibile i tempi dei gesti caratteristici del vostro sport. Vi riporto all’esempio del 20×5 citato sopra. 
  • VELOCITY BASED TRAINING: se ne avete la possibilità, misurate comunque la velocità delle ripetizioni, il VBT training può venire in aiuto anche in questi casi.

Se siete degli atleti o degli sportivi amatoriali e siete alla ricerca di un coach preparato che vi possa, non solo fornire un programma d’allenamento personalizzato, ma seguire e guidare attraverso un percorso di crescita che farà aumentare le vostre performance, scriveteci a: bilancierefondente@gmail.com

CONDIVIDI
Martina Marson
Da sempre appassionata di sport, sono cresciuta con la kick boxing, per poi scoprire la lotta libera e l'allenamento funzionale. Così appassionata da decidere di cambiare vita e far diventare lo sport la mia professione. Laureata in scienze motorie, NSCA-CSCS, oggi lavoro come preparatore atletico nel Rugby e come personal trainer. Il mio motto è "Lead by Example".COME CONTATTARMI: email: bilancierefondente@gmail.com

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here